You are here

Ultimatum dei Verdi al centro-sinistra

Testo: 

«Entro dicembre il candidato per la guida della Provincia, altrimenti il movimento riterrà definitivo il nome di Puiatti»

Ultimo appello al centro-sinistra affinché si stringano i tempi del confronto sui nomi dei potenziali candidati alla presidenza della Provincia. Lo lanciano i Verdi Colomba che, due mesi fa, avevano indicato l'ex consigliere regionale Mario Puiatti come sfidante alla carica ricoperta da Elio De Anna per smuovere le acque dell'Ulivo.
Nonostante gli incontri delle settimane scorse, il cerchio non è stato quadrato. Gli approfondimenti sono stati legati alla formulazione del programma e, teoricamente, dalla riunione di martedì prossimo si dovrebbe entrare nel vivo delle candidature, ma sono numerosi coloro che ritengono probabile un ennesimo rinvio.
«I Democratici di sinistra - hanno sottolineato ieri in una conferenza stampa Massimo Brianese, portavoce regionale dei Verdi Colomba, e il riferimento pordenonese, Mauro Piva - avevano annunciato che entro novembre avrebbero proposto un loro nominativo, ma non ci risulta si siano ancora espressi. Dalla Margherita non è giunta nessuna novità e così i partiti non si sono dati alcuna scadenza».
Il timore è quello che prevalga una linea attendista, che il movimento della colomba ritiene perdente. «Dal momento che abbiamo candidato Puiatti - ha aggiunto Brianese - non è stata proposta nessuna alternativa. L'Ulivo rischia di aver perso in partenza, spezzettato com'è in una decina di liste. La definizione del candidato presidente è urgente. Se non verrà realizzata entro dicembre, lavoreremo per fare una nostra lista».
La sensazione di Puiatti «è che in un'area centrista della coalizione non ci sia la voglia di vincere. Inutile parlare di programma - ha sottolineato - quando manca il protagonista del confronto, ovvero il candidato presidente. Da parte mia non ho smanie particolari. Se questa partita la si vuole vincere davvero, sono disposto a togliermi da parte in tre minuti di fronte all'indicazione di un candidato idoneo. Il problema è che non sono state nemmeno gettate le basi per una scelta di questo tipo».
Un quadro che, per i Verdi Colomba, è aggravato dal fatto che la competizione è molto dura. «De Anna - hanno sottolineato gli esponenti del movimento - è il presidente uscente, ha una sua notorietà e quindi è difficile da battere. L'impresa non è impossibile: ci vuole, però, la volontà di impegnarsi».
(ste.pol.)

Data: 
Sabato, 6 December, 2003
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva