You are here

Barazzutti scarcerato

Testo: 

TOLMEZZO Era stato arrestato per coltivazione di marijuana a Caneva
L'esponente radicale libero dopo la convalida dell'arresto

Tolmezzo
Stefano Barazzutti, 35 anni, esponente radicale arrestato per coltivazione di marijuana, è stato scarcerato. Alcuni giorni fa era stato sorpreso dagli agenti del Commissariato di Tolmezzo in località Pieve, a Caneva, zaino sulle spalle carico di taniche d'acqua. Nel promontorio sopra la statale 52, qualche giorno prima, il personale della Vigilanza ambientale di Udine aveva notato una piantagione di marijuana. Una ventina di piante ben curate e innaffiate con regolarità. Secondo la polizia a occuparsi della piccola piantagione era Barazzutti, che è stato bloccato e tratto in arresto. Arresto che ieri mattina è stato convalidato dal gip del Tribunale di Tolmezzo, che contestualmente ha scarcerato il trentacinquenne.
La vicenda ha scatenato le reazioni dei radicali e degli antiproibizionisti, come Corleone. «Le azioni di disobbedienza civile condotte dai Radicali in questi anni hanno portato a sentenze spesso in contraddizione tra loro, ma che hanno riconosciuto l' alto valore morale dell'aver violato una legge impossibile da applicare», ha detto Gianfranco Leonarduzzi, del Partito dei Radicali del Friuli-Venezia Giulia, commentando l'arresto di Stefano Barazzutti, ex candidato sindaco ad Arta Terme.

Data: 
Sabato, 9 August, 2003
Autore: 
Fonte: 
IL GAZZETTINO - Friuli
Stampa e regime: 
Condividi/salva