You are here

Regionali, salva la data del voto

Testo: 

Soddisfatto l'assessore Ciriani, ma la polemica non si spegne. Insorgono i friulanisti, in arrivo nuovi ricorsi alla Corte d'appello e al Tar
Campagna elettorale milionaria: 32 mila euro per ogni candidato e tetto di un milione per i partiti
Anche i tribunali di Udine e Pordenone ora escludono il Movimento Friuli
Caso liste, i giudici accolgono la richiesta della Regione per un trattamento uniforme dei partiti

TRIESTE. Accogliendo l'appello rivolto loro dall'assessorato alle autonomie locali, i giudici degli uffici elettorali centrali circoscrizionali di Udine e Pordenone hanno stabilito, rivedendo la propria precedente decisione, di escludere il Movimento Friuli dalle prossime elezioni regionali dell'8 e del 9 giugno.
La decisione si uniforma così a quelle prese da altri uffici circoscrizionali, che non avevano accolto la tesi secondo la quale le liste potevano essere presentate con un numero ridotto di firme (come nel caso del Mf) o addirittura oltre il termine ultimo di sabato 3 maggio. Si allontana, quindi, l'ipotesi da alcuni paventata di un rinvio della consultazione elettorale, anche se non è escluso - e, anzi, alcune forze politiche hanno già annunciato l'intenzione di farlo - che contro la decisione vengano presentati ulteriori ricorsi.

Data: 
Martedì, 20 May, 2003
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO
Stampa e regime: 
Condividi/salva