You are here

Parte da Udine la sfida di Forza Italia

Testo: 

Il commissario Rosso: Berlusconi domenica indicherà la regione come pilota del federalismo

di DOMENICO PECILE
UDINE. «In questa regione stiamo sperimentando il nuovo Stato federale. In questo senso, dunque, il Friuli-Venezia Giulia è destinato a diventare una sorta di esperimento pilota, un vero e proprio laboratorio politico». Lo dichiara il commissario straordinario degli azzurri, Roberto Rosso, alla vigilia della kermesse azzurra in programma da oggi a domenica al palasport Carnera di Udine e che coinvolgerà centinaia e centinaia di amministratori locali di Forza Italia.
«Il nostro obiettivo - insiste Rosso - è quello di rafforzare la nostra patria rafforzando però l'autonomia a livello periferico. Favorire l'autonomia, l'autodeterminazione e quindi una maggiore libertà in basso non significa smantellare lo Stato centrale, casomai vuol dire rafforzare il senso di appartenenza allo Stato. Non è un caso che il Paese più democratico, l'America, sia anche quello più federale dove la popolazione, i cittadini si sentono più liberi, meno oppressi e più partecipi delle sorti nazionali».
Insomma, Forza Italia che si avvia a inaugurare oggi la tre giorni dedicata agli amministratori azzurri ci tiene a sottolineare che la spinta alla devolution non arriva soltanto dall'alleato leghista, ma è un punto fermo anche degli obiettivi del presidente del Consiglio. «Non a caso - insiste il commissario di Fi - uno degli obiettivi programmatici della Cdl per questa Regione è quello di fare di Trieste una città-porto in analogia a Rotterdam e Amburgo. Il Governo ha già in mente un provvedimento per dotare il capoluogo giuliano dell'autostrada del mare che si collegherà con il corridoio 5, due infrastrutture che enfatizzeranno il nuovo ruolo di Trieste».
Sul fronte dei preparativi, la macchina organizzativa è oliata al meglio. Il via alla manifestazione avverrà alle 14.30. Più intensa la giornata di domani con una serie di sessioni di lavoro dedicate a temi specifici. Ogni gruppo sarà coordinato da giornalisti. Tra questi spiccano l'ex direttore del Tg4, Paolo Liguori, Piero Vigorelli e Mario De Scalzi. Grande attesa è comunque per il gran finale in programma domenica mattina (i lavori in programma al palasport Carnera dovranno concludersi in tempo per dare la possibilità ai tifosi di affluire senza problemi allo stadio Friuli) con la tavola rotonda moderata da Emilio Fede sul tema «Esperienza di Buongoverno». Infine il "botto" finale con l'atteso intervento del premier Silvio Berlusconi. Secondo Mario Valducci, responsabile nazionale degli Enti locali, la convention servirà a fare un consuntivo dell'azione di governo. Non a caso lo slogan della manifestazione sarà «Il Buon governo di Forza Italia» Il convegno - è ancora il parere di Valducci - segnerà in qualche modo il passaggio alla terza fase di un partito, Fi, che «ha visto in questi anni la sua dirigenza e Berlusconi impegnati nell'opera di rivoluzione liberale al governo».

Data: 
Venerdì, 9 May, 2003
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Regione
Stampa e regime: 
Condividi/salva