You are here

IL VESCOVO SI SPOGLI DELLE TUNICHE E RESTITUISCA LA SUA QUOTA DELL’8 PER MILLE ALLE FAMIGLIE!

Testo: 

Apprendo della preoccupazione del vescovo di Pordenone Ovidio Poletto per il patrocinio del Comune di Pordenone in favore della campagna informativa voluta dall’Arcigay per l’affermazione dei diritti degli omosessuali in particolare a vivere la propria affettività alla luce del sole. Purtroppo il Vescovo sta percorrendo su un terreno scivoloso, quello dell’attacco al Sindaco per il patrocinio del Comune, ovvero del piccolo aiuto per la stampa dei manifesti.
Ricordo a Poletto le innumerevoli occasioni con cui l’Amministrazione di Pordenone e Udine hanno meritoriamente finanziato negli ultimi anni la Chiesa locale. I numeri sono pubblici e possiamo sederci attorno ad un tavolo e discuterne.

Forse sarebbe giunta l’ora che finalmente la Chiesa faccia luce su come destini i 43 milioni 969 mila 406 euro che riceve ogni anno con l’8 per mille con un meccanismo truffaldino. Non ritiene, caro Monsignore, che si tratti di una vera e propria truffa accettare le quote dell'8 per 1000 dei contribuenti che non firmano né per le chiese né per lo Stato? E perchè solo poco più del 20% dell’8 per 1000 va alle cosiddette opere di bene ed il resto resta invece nelle casse del Vaticano? Perchè in questo periodo di crisi non rinunciate ai vostri privilegi all’oro, all’argento e alle monete e non destinate parte del bottino alle famiglie?

Autore: 
Stefano SANTAROSSA – Presidente di RADICALI FRIULANI
Condividi/salva