You are here

MANIAGO Bruciare i rifiuti: «La scienza chiede una moratoria». Stop all’inceneritore

Testo: 

Firme contro l’ipotesi di impianto depositate in tutti i Comuni

“Dovremmo guardarci “dentro” e vedere se siamo disposti a pagare il prezzo, in termini di salute individuale e di vivibilità del territorio, come conseguenza delle nostre attuali decisioni e della superficialità, in primis sul piano politico, nell’affrontare queste tematiche”. Esordisce così un gruppo di cittadini – che ha già raccolto centinaia di firme in pochi giorni - che fa sentire la propria voce sul tema incenerimento rifiuti, presentando agli amministratori locali un dossier dalle cui osservazioni sul piano scientifico e normativo emergono due punti sostanziali: “Si all’avvio urgente di politiche di riciclo totale e di efficace raccolta differenziata “porta a porta spinta”, in linea con le vincenti esperienze virtuose condotte nel trevigiano; no fermo all’ipotesi, fallimentare anche sul piano economico, se non fosse per i cospicui contributi pubblici elargiti, di incenerire rifiuti nei forni della Cementizillo, alla luce dell’imponente letteratura scientifica sul tema che evidenzia i gravi e specifici rischi per la salute umana, cui la comunità andrebbe incontro”. Come ricorda Emanuele Pippolo, che ha materialmente redatto il materiale scientifico confluito nel dossier - protocollato in tutti i comuni del mandamento interessati dalle possibili conseguenze dell'utilizzo del Cdr -, «numerosi Ordini dei medici in Italia e all’estero hanno formalmente richiesto una moratoria alle procedure d’incenerimento. La tutela della salute degli abitanti è un diritto fondamentale, senza distinzione alcuna e con particolare attenzione alla componente più vulnerabile rappresentata dai bambini e dai neonati cui va garantito con profondo senso di responsabilità il diritto alla vita nel loro territorio». La battaglia è ufficialmente utilizzata. La prima tappa è l'imminente conferenza dei servizi – cui partecipano gli enti locali – che deve dare il via all'operazione.

Data: 
Giovedì, 8 October, 2009
Autore: 
_
Fonte: 
IL GAZZETTINO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva