You are here

Ridurre i costi della politica

Testo: 

Occorre una rivoluzione delle coscienze. Nel merito, di pressione dell’ente di palazzo Belgrado verso riforme di stampo liberistico e nell’attuazione d’iniziative sui costi della politica. Se la proposta di portare a quattro gli assessori è stata parzialmente accolta, e auspichiamo che la giunta a otto possa essere varata il più presto possibile, occorre ora affrontare il nodo del costo degli assessori. Il presidente dovrebbe avviare le discussioni per ridurre del 30% le indennità degli assessori provinciali.
La vera rivoluzione liberale del centro-destra può partire solamente dalla razionalizzazione delle risorse e della riduzione delle spese. Paradigmatica è la voragine di soldi pubblici che il centro-sinistra sperpera in comune, perciò la rotta dovrà essere completamente invertita. Siamo consapevoli dei tempi lunghi, ma il dimagrimento degli enti locali è ormai urgente. Così pure tagliare la totalità del 25% dei consiglieri provinciali, e in questo senso la Provincia dovrebbe incoraggiare il processo di modifica del testo unico degli enti locali.

Data: 
Giovedì, 12 July, 2007
Autore: 
Gianfranco Leonarduzzi - Comitato nazionale radicali italiani
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Lettere
Stampa e regime: 
Condividi/salva