You are here

Il centro commerciale in consiglio comunale

Testo: 

Approderà in consiglio comunale lunedì, a partire dalle 18, il piano di recupero di iniziativa privata finalizzato alla realizzazione, in via Aquileia, nei pressi dell'autoparco dell'Atap, del centro commerciale promosso da Coop consumatori Nordest. La struttura, di 6 mila metri quadri, si compone dell'ipermercato, che sarà gestito dal colosso della grande distribuzione, e di una galleria commerciale, dove verranno insediati, a cura dell'Ascom di Pordenone, negozi di piccole e medie dimensioni, alcuni dei quali hanno già fatto richiesta di entrare nell'insediamento. Il progetto complessivo, inoltre, fondato su una struttura realizzata in cemento, acciaio e vetro, d'impatto visivo netto e gradevole, prevede anche la realizzazione di un ristorante e di un grande parcheggio, che fungerà pure da struttura d'interscambio che funzionerà anche negli orari di chiusura della struttura commerciale.
L'elaborato è stato esaminato alla fine dello scorso anno dalla circoscrizione Borgomeduna e, l'altra sera, dalla commissione urbanistica: un dibattito che ha permesso di sviscerare le questioni di maggiore sostanza. Il centro commerciale "Meduna" è una delle due strutture autorizzate più di dieci anni or sono dall'allora amministrazione Cardin e oggetto di un lungo contenzioso legale, innescato da altri operatori del settore. L'altro investimento cittadino è rappresentato dal centro commerciale del gruppo veneto Boldrin nell'area Amman, che porterà alla ristrutturazione del cotonificio Olcese. Una volta espletato l'esame del consiglio, per il centro "Meduna" potrà essere concluso l'iter amministrativo e avviati i lavori che dovrebbero essere cantierati nel giro di qualche mese.
Sempre dal punto di vista urbanistico, l'ordine del giorno del consiglio, concordato nel corso della riunione dei capigruppo, guidata dal presidente del consiglio comunale, Alvaro Cardin, prevede anche l'esame della variante 3 al piano di recupero di via Vallona, illustrata anch'essa dall'assessore all'urbanistica, Pietro Piva.
Durante la riunione dei capigruppo è stato pure concordato di affrontare alcune mozioni presentate dalle forze politiche. Ultime in ordine di tempo quelle relative alla situazione internazionale. Nello specifico i consiglieri comunali di Forza Italia Marco Pirina, Severino Bomben, Giuseppe Pedicini e Franco Vampa hanno fatto proprio l'appello lanciato dal leader radicale, Marco Pannella, affinché l'Onu voti una risoluzione finalizzata a destituire Saddam Hussein dalla guida dell'Iraq. Da parte loro, invece, i capigruppo del centro-sinistra (Margherita, Il Fiume, Democratici di sinistra e Vivo Pordenone) hanno presentato un documento con il quale si invitano le istituzioni nazionali ed internazionali ad adottare tutte le iniziative per evitare che fallisca lo sforzo diplomatico e si arrivi, conseguentemente, ad una nuova guerra.
(ste.pol.)

Data: 
Sabato, 8 February, 2003
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva