You are here

Provincia, sorteggiato l’ordine delle liste. Esclusi 9 candidati dei Radicali per le libertà

Testo: 

Giancarlo Tonutti (centro-sinistra) sarà secondo, quinto invece Marzio Strassoldo (centro-destra)
Primo Castenetto.

di PAOLO MOSANGHINI

Il candidato autonomista Giuliano Castenetto sarà il primo nella scheda elettorale per le provinciali, Sergio Tiepolo di Alternativa sociale invece la chiuderà. Ieri nell’Ufficio elettorale del tribunale è stato fatto il sorteggio per l’assegnazione dei posti sulla scheda dei candidati presidenti e dei partiti o delle liste che li sostengono.

Nei giorni scorsi i rappresentanti politici si sono dati da fare per la presentazione dei documenti mancanti dopo che alcune candidature erano state ammesse alla corsa elettorale con riserva. Era atteso infatti un parere sull’ammissione di Autonomia Friuli, Alternativa sociale e Radicali per le libertà. Inoltre, erano state ammesse con riserve le liste Ds, Scelgo donna, Progetto Nordest, Udc, Margherita, Sinistra ecosolidale Friuli, Forza Italia e Udeur. Le liste erano state presentate fino a sabato e successivamente la commissione elettorale del tribunale ha esaminato tutti i documenti per verificarne la conformità, e in alcuni casi ha chiesto integrazioni.
Soltanto in un caso la documentazione non è stata ritenuta completa. Infatti, tutte le candidature sono state ammesse, eccezion fatta per i Radicali per le libertà in 9 collegi. E prima di cominciare il sorteggio, il giudice Francesco Venier, presidente della commissione elettorale del Tribunale, ha comunicato l’esclusione dei candidati dei Radicali per le libertà nei collegi di Cividale, Gemona, Pozzuolo, Latisana, San Giorgio di Nogaro, Tolmezzo, Tarcento, Pasian di Prato e Fagagna. Le motivazioni riguardano il fatto che non c’era corrispondenza tra gli atti che erano stati presentati.
«Anche se orfani della presenza di nostri candidati importanti in alcuni collegi, a causa di un malinteso con la stampa dei moduli, ci riteniamo soddisfatti di poter partecipare al confronto delle amministrative – fa sapere Gianfranco Leonarduzzi dei Radicali per le libertà -. Daremo battaglia come si conviene alla prassi radicale, per sostenere il presidente Strassoldo. Dopo le liste al Senato in alcune regioni d’Italia, ora siamo presenti ufficialmente anche alle amministrative. È un grande risultato che apre spazi importanti di elaborazione politica all’interno del Centrodestra. La nostra scelta di campo a sostegno di Strassoldo va nella giusta direzione che il patrimonio di lotte liberiste e di libertà di mercato i radicali hanno sempre sostenuto. Non volevamo essere costretti a piegarci all’ortodossia del politicamente corretto o di chi ancora si scandalizza della parola sviluppo, di concorrenza e liberalizzazioni», conclude Leonarduzzi.
L’ordine dei candidati e delle liste sulla scheda per le elezioni del 9 e 10 aprile è stato stabilito quindi con un sorteggio. Giuliano Castenetto sarà il primo, estratto a sorte anche l’ordine delle liste che lo sostengono e cioè Autonomia Friuli per costruire il futuro e Uniti al centro Dc-Udeur popolari; quindi il candidato del Centrosinistra Giancarlo Tonutti con Cittadini per il presidente, Democratici di Sinistra, Italia dei valori, Sinistra ecosolidale Friuli, Convergenza per il Friuli, Pensionati, La Rosa nel pugno (laici, socialisti, liberali, radicali), La Margherita-Democrazia e libertà, Partito della Rifondazione comunista, Verdi per la pace; poi Alessandra Battellino e Scelgo donna; Diego Volpe Pasini con Sos Italia consumatori-Difesa Occidente. Sarà quinto nella scheda il presidente uscente e candidato del Centrodestra Marzio Strassoldo di Graffembergo, 8 le liste che lo sostengono: Alleanza nazionale, Partito repubblicano italiano, Partito socialista-Nuovo Psi, Movimento Friuli, Udc, Radicali per le libertà, Forza Italia e Lega Nord. Infine, Beppino Michele Fabris con Progetto Nordest e Sergio Tiepolo con Alternativa sociale.

Data: 
Mercoledì, 15 March, 2006
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Udine
Stampa e regime: 
Condividi/salva

Commenti

Gianfranco, cosa hai combinato? Hai invertito le date di nascita?