You are here

SAN QUIRINO Quattro candidati per una fascia tricolore

Testo: 

Oltre a Della Mattia e Santarossa, spuntano Claudio Serafini e Claudio Marson

SAN QUIRINO. Proliferano i candidati alla poltrona di sindaco nel comune di San Quirino.
Il primo in ordine di tempo che ha manifestato apertamente la sua candidatura è Corrado Della Mattia, attuale capogruppo di maggioranza in consiglio comunale e assessore provinciale alla viabilità e trasporti, che concorrerà con una lista civica trasversale alle diverse forze politiche. Fin da subito è stato dimostrato da parte dei sanquirinesi entusiasmo per la candidatura tanto che una prima lista è già completa: anzi, la rosa di nomi attualmente inseriti va ben al di là dei sedici previsti per il completamento, pertanto si dovrà provvedere a decidere chi rimarrà all’interno e chi la sosterrà da fuori. Rimane esclusa, comunque, l’ipotesi della creazione di due liste riferite ad un unico candidato. Nel frattempo nei giorni scorsi c’è stato l’incontro con i candidati della lista capeggiata da Della Mattia. Un modo, questo, per rendere più omogeneo il gruppo e introdurre le questioni amministrative anche ai neofiti che per la prima volta si affacciano sulla scena politica.
La corsa alla poltrona di sindaco vede negli ultimi tempi nuovi candidati. Anzitutto, è emerso il nome di Stefano Santarossa, esponente regionale dei radicali, che avrebbe il sostegno anche degli altri partiti di centro-sinistra.
Nel versante politico opposto si fa strada il nome di Claudio Serafini, attuale capogruppo di opposizione, che avrà il sostegno della Lega Nord. La sua candidatura evidenzia rancori non ancora del tutto sopiti da parte del Carroccio che si sente ancora tradito dall’abbandono, avvenuto qualche anno fa, di Della Mattia che avrebbe preferito continuare la sua carriera politica nelle fila di Forza Italia. Al “gruppo“ si è aggiunto Claudio Marson con una lista civica che potrebbe chiamarsi “San Quirino pulita“ e accoglierebbe esponenti trasversali ma con un occhio di riguardo per cattolici e mondo associazionistico.
«Non avverto grossi timori nei confronti dei miei avversari - ha commentato Della Mattia - É giusto che tutti ci possano cimentare nella corsa per l’amministrazione di un comune. Tra i candidati è comunque stato fatto un accordo di concorrere con persone serie affinché il confronto avvenga in modo civile e corretto». La scelta di realizzare una lista civica secondo Della Mattia sarà vincente, in quanto gli elettori non voteranno il partito ma la persona, elemento ancora preponderante nelle elezioni nei piccoli comuni. «La scelta di istituire una lista civica - ha proseguito - è positiva in quanto accoglie esponenti di fede politica trasversale. Proprio grazie a ciò ho avuto la testimonianza da molte persone di un voto sicuro».
Rimangono ancora secretati i componenti della lista che verranno svelati probabilmente a fine febbraio, considerato un tempo congruo per far conoscere e riconoscere gli esponenti nella loro veste politica. (l.v.)

Data: 
Domenica, 29 January, 2006
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva