You are here

Bolzonello in campagna acquisti

Testo: 

Sfuma l’accordo con i Popolari Udeur di Clarizia, ma prosegue la collaborazione con Mario Puiatti
“Arruolato“ Nisco Bernardi, in vista un accordo con Cazzol

LISTA DEL SINDACO

Si lavora sul centro Tentano il “bis“ Zanolin e Romor

Obiettivo società civile per il sindaco di Pordenone, Sergio Bolzonello, il quale, per la sua lista, sta facendo man bassa a destra e a manca. Abbandonata la vecchia denominazione del Fiume e presa in carico quella più attraente di lista Bolzonello, la meta da raggiungere, neanche tanto segreta, è quella di prendere più voti degli altri partner della coalizione.
Il metodo è scontato: trasformare il valore aggiunto del sindaco in consensi che vanno alla sua lista civica, tenendo testa a Democratici di sinistra, Margherita e Vivo Pordenone.
La selezione è avvenuta già con alcuni partiti minori: i Repubblicani europei sono stati “arruolati“ con la candidatura di Nisco Bernardi, che ne è segretario provinciale, unitamente a Cittadini per il presidente, che hanno rinunciato a presentare il simbolo. Poi l’accordo con Italia dei valori, che prevede l’ingresso di alcuni rappresentanti nella sua lista, mentre è sfumata l’intesa con i Popolari-Udeur di Luciano Clarizia, ma solo per la necessità da parte di questi ultimi di far emergere il simbolo.
A Bolzonello, peraltro, si imputa la scelta dei Radicali friulani di non partecipare alla Rosa nel pugno, come pure una serie di candidature “sfilate“ a Sdi e Nuovo Psi grazie ai buoni uffici di Mario Puiatti, l’ex consigliere regionale che, dopo essere stato corteggiato proprio dai laico-socialisti, sta lavorando a tempo pieno per la lista del sindaco.
Bolzonello punta a sfondare al centro, senza dimenticare di sparigliare le carte in casa altrui. Tra i possibili candidati l’ex sindaco Ds di Zoppola, Renzo Cazzol, ma anche esponenti della società civile, rispetto ai quali i contatti sono top secret.
Un’allargamento della lista esercitato con cautela, perché i fondatori del Fiume hanno chiesto garanzie. Tentano il bis il capogruppo Vincenzo Romor, con l’aspirazione di un posto d’assessore, come pure Gianni Zanolin, che non dispera, nel 2008, di ritentare la corsa per Trieste. (ste.pol.)

Data: 
Martedì, 24 January, 2006
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva

Commenti

messa così non è che ci facciamo stà gran bella figura...e a dir la verità neance il Buon Bolzonello la fa...con questa immagine di sparigliatore di carte che, da antichissimo e rispettoso giocatore dell'arte della briscola quale io sono, mi sembra un pò improbabile..