You are here

Zoppolato chiede la pena di morte

Testo: 

La Lega: colpire i responsabili di delitti contro i minori

TRIESTE - Pena di morte per chi compie delitti contro i minori: la chiede la Lega Nord del Friuli-Venezia Giulia attraverso il suo capogruppo in consiglio regionale Beppino Zoppolato. Anche l'esponente del Carroccio è rimasto, infatti, impressionato dall'escalation delle violenze contro bambini che quest'anno hanno avuto due esempi tristemente significativi nella tragedia di Cogne, in gennaio, e nel recentissimo massacro nel Bresciano. Una situazione che turba l'opinione pubblica, tanto che c'è anche chi sollecita un inasprimento delle pene per i responsabili, come appunto Zoppolato che ha presentato una mozione dal titolo "Qualcuno salvi Abele", con cui chiede la reintroduzione della pena capitale per i delitti di particolare efferatezza, come lo stupro e l'assassinio di una bambina indifesa.
Secondo Zoppolato, che in tal senso ha impegnato la giunta regionale a sensibilizzare Palazzo Chigi, «considerato che in questi anni le famiglie di molti bambini uccisi hanno spesso dovuto assistere alla beffa dell'assassino rimesso in libertà dopo breve tempo», e «preso atto del fallimento delle politiche lassiste frutto di una visione catto-comunista della realtà», ritiene «necessario sollecitare il governo ad agire per inasprire le pene per chi si macchia di crimini odiosi nei confronti dei minori». Secondo Zoppolato, infatti, l'introduzione della pena di morte «è non solo opportuna, ma anche socialmente utile».
L'iniziativa di Zoppolato prende proprio lo spunto dall'impressionante incremento di gravissimi delitti che vedono come vittime bambini indifesi, e mette in evidenza il fallimento delle politiche lassiste che hanno pervaso e condizionato la vita del paese negli ultimi trent'anni, indebolendo e dissacrando i valori fondanti della società cristiana in modo da generare un senso di irresponsabilità e il disprezzo della vita umana.

Data: 
Giovedì, 17 October, 2002
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Regione
Stampa e regime: 
Condividi/salva