You are here

Zapatero lancia la moda e Sky sdogana i programmi gay

Testo: 

di Roxy

Dopo le decisioni elettorali della Spagna sulle unioni gay il discorso è tornato alla ribalta e i programmi televisivi dedicati alla categoria iniziano a proliferare. In Italia per ovvi motivi, l’ingresso di questi programmi sulla tv generalista è un po’ più rallentato, anche se ultimamente i primi tentativi su La 7 stanno raccogliendo i consensi del pubblico con “I magnifici 5“.
Per quanto riguarda Sky invece, il panorama sia sul fronte maschile che femminile è certamente più vario. In questa rubrica abbiamo già parlato del telefilm dedicato al mondo gay al femminile “The L word“, che racconta con tinte patinate la vita di un gruppo di lesbiche di successo a Los Angeles e che ha visto questa primavera la sua prima stagione su Jimmy. I programmi dedicati al settore maschile omosessuale che vanno per la maggiore sul satellite invece sono due, entrambi in onda su Jimmy: “Queer as a folk“ la commedia gay più popolare della tv americana e inglese e “Queer eye for the straight guy“ una specie di reality condotto da cinque giovani omosessuali.
Il sopra citato reality non è altro che la versione americana originale del programma che va in onda sulla Sette “I magnifici 5“, quello in cui 5 omosessuali rimettono a nuovo un etero alle prese con un appuntamento importante. Un po’ scontato il cliché che i gay debbano per forza aver estro, gusto, sofisticata conoscenza di vini e cucina ma il programma in America funziona ormai dal 2003 ed è riuscito ad evidenziare anche un'altra dote dei magnifici cinque. Ai 5 scaltri ragazzi non è infatti sfuggito che i prodotti che venivano consigliati durante le puntate, incrementavano le vendite e il passo dal consiglio disinteressato dell’esperto alla televendita è sempre breve. Si sa, business is business.
Per quanto riguarda invece il telefilm “Queer as a Folk“, che è certamente il più famoso telefilm gay con scene sessualmente esplicite, è interessante sapere che nel 2003 era stato comprato e tradotto in Italia sempre da La Sette ma che a causa delle polemiche che ha suscitato l’argomento, è stata cancellata. Oggi la serie va in onda su Gay tv ma non è detto che presto, nonostante il referendum e l’ostilità della curia, sarà visibile anche in chiaro.

Data: 
Lunedì, 5 September, 2005
Autore: 
Fonte: 
L'OPINIONE
Stampa e regime: 
Condividi/salva