You are here

I radicali fanno breccia nello Sdi

Testo: 

ALLEANZE Boselli incontra Pannella, ma «è presto per parlare di liste comuni»

Roma
«La vera novità è che l´atteggiamento dei radicali verso l´Unione e verso il centrosinistra è cambiato e questo è un passo avanti importante, rispetto alle regionali». Una novità di cui «tutta l´Unione deve tenere conto» perché «per vincere c´è bisogno di tutti». Lo afferma il presidente dello Sdi, Enrico Boselli, al termine di un lungo incontro con il leader dei radicali, Marco Pannella. Per Boselli, tra i socialisti e i radicali è «iniziato un cammino comune» anche se è «ancora troppo presto» per parlare di liste alle elezioni del 2006.
All´incontro di ieri, durato oltre un´ora e mezzo, hanno partecipato oltre a Boselli e Pannella, anche il vicepresidente dello Sdi, Roberto Villetti, e per i radicali Daniele Capezzone e Marco Cappato. Positivo l´esito. «È stato solo un primo incontro - spiega Boselli - ma lo definirei positivo, in cui avviamo un cammino comune che mi auguro porti risultati. Abbiamo fatto un´analisi delle condizioni del paese e ci siamo trovati in sintonia sulla preoccupazione per l´arretramento del paese in tema di diritti e libertà civili, come dimostra anche la sconfitta al referendum sulla fecondazione».
In merito alle ipotesi su come presentarsi alle elezioni politiche del 2006, Boselli avverte che «è troppo presto per dirlo, anche se nel confronto abbiamo ben chiaro che tra un anno si vota». Una lista comune? «Non si può escludere, ma - insiste Boselli - è ancora troppo presto». Il presidente Sdi poi ricorda che «dopo la decisione della Margherita di dire no alla lista unitaria, l´Ulivo e la federazione sono finite in soffitta, ma non si può chiedere a noi di rimanere da soli a sostenere un´idea che è stata messa nel congelatore, anzi ibernata». «Senza lista - ribadisce il segretario socialista - la federazione dell´Ulivo è una scatola vuota».
Il percorso comune da compiere con i radicali, percorso che investe, spiega Boselli, naturalmente anche il Nuovo Psi di Gianni De Michelis e Bobo Craxi, ha le tappe sono forzate: «In questi giorni - spiega Boselli - i nostri dirigenti si incontreranno per esaminare gli aspetti di una politica comune. E poi a settembre ci sarà un seminario comune».

Data: 
Martedì, 19 July, 2005
Autore: 
Fonte: 
IL GAZZETTINO
Stampa e regime: 
Condividi/salva