You are here

Domenica 22 agosto i Radicali friulani in visita al carcere di Pordenone

Testo: 

Visite nelle carceri: la migliore risposta al ministro Castelli i radicali friulani la daranno domenica, quando si recheranno a Pordenone per dare la possibilita' a detenuti e personale carcerario di firmare il referendum su fecondazione assistita e liberta' di ricerca scientifica. Alle ore 12.15 conferenza stampa davanti l'ingresso dell'istituto di pena.

Pordenone, 21 agosto 2004
Domenica 22 agosto il tavolo referendario per la fecondazione assistita e la libertà della ricerca scientifica farà il suo ingresso nel carcere di Pordenone. Una delegazione radicale si recherà alle ore 10 nell'istituto, per far firmare detenuti e personale carcerario. La delegazione sarà composta da Stefano Santarossa, presidente di "RADICALI FRIULANI", da Paola Scaramuzza e Giacomino Pippolo. La raccolta delle firme sarà possibile grazie alla presenza come autenticatore di Tiziano Tommasini, funzionario del Comune di Pordenone delegato dal Sindaco.
Quella di domenica è una giornata di sciopero della fame per sostenere le richieste della comunità carceraria, e, nello stesso tempo, un giorno di raccolta di firme referendarie per confermare il sostegno delle e dalle carceri alle grandi battaglie civili.
Proprio dal carcere di Pordenone, dove permane da decenni una condizione gravissima di sovraffollamento, cerchiamo di rendere il più possibile partecipi i detenuti della vita civile del proprio paese.
Ricordo che da due anni sono bloccate le nostre proposte di legge che consentirebbero un miglioramento del sistema giudiziario in Italia. Le proposte già presentate in parlamento mirano alla riduzione del termine massimo di carcerazione preventiva, all'abolizione dell'obbligatorietà dell'azione penale e alla separazione delle carriere dei magistrati.

Autore: 
STEFANO SANTAROSSA
Condividi/salva