You are here

L´ITALIA E LA RICERCA SCIENTIFICA: PROIBIRE, PROIBIRE, PROIBIRE

Testo: 

Malgrado la corazzata "Vaticana", sostenuta dall'ineffabile ministro Sirchia, non perda l'occasione di lanciare anatemi moralistici contro coloro che difendono la laicità dello Stato, bloccare la ricerca scientifica, proibire terapie e imporre sofferenze, i Radicali di Pordenone insistono per l'affermazione della laicità dello Stato organizzando un incontro dibattito sulla libertà di ricerca scientifica in programma venerdì 8 presso l'aula magna di Cinemazero.

Fermo restando che il Vaticano ha il pieno diritto di difendere la sua dottrina, questo non vuol dire però che uno Stato laico consenta che le convinzioni morali di alcuni si traducano in imposizioni per tutti gli altri.

Con questa nuova iniziativa sfideremo i falsi moralisti, sfideremo gli operatori sanitari che in tempi recenti, anche a Pordenone, non si sono sottratti dall'accostare la morale cattolica alla loro professione. Sfideremo il Parlamento sul terreno delle libertà dei cittadini con la raccolta firme sulle 25 proposte di legge.

Da anni ormai il sistema politico latita nell'affermazione di nuove frontiere di libertà e delle responsabilità individuali.
Confidiamo che, come già ai tempi delle leggi sulla libertà di divorzio e aborto, la società civile italiana sia più avanzata ed evoluta dei suoi rappresentanti politici e possa contribuire ad imprimere un'accelerazione al Paese".

Autore: 
Condividi/salva