You are here

BASSA IRONIA ANTI-RADICALE DI "QUELLI CHE?" E GENE GNOCCHI

Testo: 

CAPEZZONE: NON TELEFONERO' COME GASPARRI. VEDENDOVI, M'E' VENUTO SONNO. E ANCHE UN PO' DI TRISTEZZA. POVERA SATIRA, IN MANO AGLI ORFANELLI GIROTONTI DI ZACCARIA

Dichiarazione di Daniele Capezzone, segretario di Radicali italiani:

Roma, 14 aprile 2002 - Domenica televisiva deboluccia: su Rai uno, gli imbonitori di "Domenica in" sono compressi e ritardati dalla Formula 1. Ignoriamo se ne guadagnerà, su Canale 5, l'imbonitore-concorrente Costanzo. Su Rai 2, invece, pallone e intrattenimento "intelligente e simpatico" -dicono- con Simona Ventura.
Tra tanta "intelligenza e simpatia", prima dello spot-comizietto di Jovanotti, arriva Gene Gnocchi: che non trova di meglio da fare se non proporre lo sketch anti-digiuno. E' con lui una obesa, che afferma di essere una radicale in digiuno da 100 giorni, e di avere, in 100 giorni di sciopero della fame, acquistato 19 chili. Seguono altre battute di questo tenore.
In altro momento e in altra sede, sarà il caso di tornare sull'episodio: la sinistra "intelligente e simpatica" sceglie ancora una volta di ironizzare sulla nonviolenza, e di spernacchiare i radicali.
Che fare, intanto? Non seguirò l'esempio di Gasparri: non telefonerò. Anche perché, dinanzi a tanta "intelligenza e simpatia", m'è venuto sonno. E pure un po' di tristezza. Povera satira, in mano agli orfanelli girotonti di Zaccaria.

Data: 
Domenica, 14 April, 2002
Autore: 
Fonte: 
RADICALI.IT
Stampa e regime: 
Condividi/salva