You are here

L´informazione e il digiuno

Testo: 

Daniele Capezzone è in sciopero della fame da 17 giorni: il segretario dei Radicali Italiani è stato ascoltato ieri dalla Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai per denunciare la violazione del diritto dei cittadini all informazione e la mancanza un monitoraggio efficace delle trasmissioni televisive che garantisca il pluralismo.
Dall'autunno scorso il dibattito politico nazionale è incentrato sull art.18, le pensioni, la giustizia, la clonazione terapeutica e il divorzio: tutti temi oggetto delle nostre proposte di legge, ma i principali spazi approfondimento Rai non hanno mai concesso nemmeno un secondo a un esponente radicale. Secondo Capezzone è l'arbitrio di pochi (e fa i nomi: Bruno Vespa, Enzo Biagi, Michele Santoro) a decidere ciò cui bisogna discutere, soprattutto chi deve discuterne. L'intera commissione ha riconosciuto la violazione della legalità e gravità del problema, ribadendo la neces-sità per la Rai di dare seguito al dovere informazione.
Il presidente Claudio Petruccioli ha scritto al nuovo consiglio di amministrazione affinché dai prossimi giorni venga intensificata l'informazione sulle proposte di legge: peccato che, a 7 giorni dal termine ultimo per la raccolta firme, tutte le trasmissioni di approfondimento politico siano sospese, causa Sanremo.

Data: 
Mercoledì, 6 March, 2002
Autore: 
Fonte: 
IL FOGLIO
Stampa e regime: 
Condividi/salva