You are here

La Turchia nell'Europa

Testo: 

In relazione alla lettera del direttore di Lega Nord Flash, pubblicata sul quotidiano del 25 gennaio, ecco la posizione dei Radicali. Sono molte, e buone, le ragioni per volere la Turchia all'interno dell'Europa. Proverò a illustrarne alcune. La Turchia ha iniziato dagli anni Venti del secolo scorso un processo di occidentalizzazione e democratizzazione tuttora in corso che la portata a essere l'unico esempio di paese democratico di religione musulmana. Certamente la strada che la Turchia deve percorrere sul cammino della democratizzazione e dei diritti civili è ancora lunga, ma la l'adesione all'Europa non può che essere da sprone a questo processo. Una volta all'interno della Comunità europea questo processo diverrebbe, probabilmente, irreversibile.
Nei paesi laici non confessionali, quali dovrebbero essere quelli della Comunità europea, tutte le religioni trovano uguale spazio e diritto di cittadinanza, rimangono un fatto privato e non interferiscono con la funzione pubblica. Per tali paesi l'ingresso di un paese al 99% musulmano piuttosto che buddista o cristiano non è un problema.
Anche dal punto di vista economico l'ingresso della Turchia può essere solo che vantaggioso. È un paese grande, in forte sviluppo (ha uno dei tasso di crescita tra i più alti in Europa), che parte da posizioni di arretratezza ovvero un potenziale mercato per paesi avanzati e buon partner per delocalizzare imprese a basso valore aggiunto, una piccola Cina in poche parole. Il problema è l'Italia e la sua arretratezza non la Turchia. Paghiamo l'arretratezza del nostro paese che ci porta a competere con aziende di paesi in via di sviluppo, quali Turchia e Cina, anziché con paesi sviluppati come la Germania, la Francia, la Finlandia, l'Irlanda. Ricordiamo la Turchia nemica del 1571 - Lepanto -, ma ci dimentichiamo che per cinquant'anni, gli ultimi, è stata un fedele nostro alleato all'interno della Nato.
Mi auguro, pertanto, che i dieci anni di trattativa con la Turchia portino alla sua adesione all'Europa unita e che quanto prima possa avvenire lo stesso per un altro paese amico come Israele.

Corrado Libra
tesoriere Radicali friulani - Radicali italiani Udine

Data: 
Sabato, 29 January, 2005
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Lettere
Stampa e regime: 
Condividi/salva