You are here

Referendum, impegno dei radicali per dare la massima informazione

Testo: 

di CORRADO LIBRA

Nella lettera del signor Samuele Ceccotti, pubblicata su questo quotidiano il giorno 22 gennaio 2005, vengono purtroppo riproposte tutte le false informazioni che hanno accompagnato la campagna per la raccolta delle firme per i 5 referendum. Innanzi tutto i Radicali sono anche co-promotori di tre dei quattro referendum parziali e non solo di quello totalmente abrogativo che la Corte costituzionale, con una sentenza a nostro parere politica, ha ritenuto non ammissibile. Nella lettera viene riproposto, con riferimento al caso della signora romena, il "Far West procreativo" come uno dei motivi principali che ha portato a questa legge; ebbene questo "Far West procreativo" in Italia non esisteva in quanto i medici, ben prima dell'entrata in vigore della legge, si erano autoregolamentati attraverso il codice deontologico del 1999 articolo 42 al fine di evitare i casi di mamme-nonne, di utero in affitto eccetera; infatti, a fronte di decine di migliaia di coppie che ricorrono alle tecniche di fecondazione assistita ogni anno, si sono verificati solo rari casi mamme-nonne e sono scomparsi dall'entrata in vigore del codice deontologico.
Per quanto riguarda l'eugenetica credo che il signor Ceccotti si riferisse alla possibilità di eseguire l'analisi pre-impianto dell'embrione. Quest'ultima è una tecnica che consente alle molte migliaia di coppie affette da malattie genetiche (quale a esempio la Talassemia) di poter avere dei figli sani individuando tra gli embrioni fecondati quelli non portatori della malattia. Attraverso queste tecnica sarebbe possibile debellare alcune malattie genetiche ereditarie.
Con il nostro referendum sulla ricerca scientifica non viene chiesta la libertà di creare embrioni per la ricerca ma la possibilità di utilizzare i circa trentamila embrioni soprannumerari (attualmente crioconservati e destinati alla distruzione) per la ricerca sulle cellule staminali embrionali. La ricerca sulle cellule staminali embrionali è, assieme alla ricerca sulle staminali adulte, una delle più promettenti per trovare soluzioni a malattie come il morbo di Parkinson, il morbo Alzheimer, diabete,distrofia muscolare,lesioni della spina dorsale. Nel rapporto presentato dalla commissione Dulbecco nel 2000 - istituita dal ministro Umberto Veronesi - sono stimate in circa10 milioni le persone che in Italia potrebbe beneficiare di queste ricerche. Il signor Ceccotti auspica poi una sostanziale revisione della legge 194 sull'aborto; questa legge, che abbiamo potuto avere anche grazie a un referendum vinto dai Radicali, è la conferma che la regolamentazione e non i divieti come quelle imposti dalla legge 40/2004 aiutano la vita. Dall'entrata in vigore della legge gli aborti sono calati di oltre il 40% e sono in costante diminuzione e ciò grazie all'informazione e alla possibilità di accedere a strutture sanitarie che operano legalmente.
Concludo con una nota relativa alla volontà popolare quale fonte di diritto. Il referendum abrogativo è previsto dalla nostra costituzione e rappresenta una delle massime espressioni di democrazia grazie alla quale i cittadini, informati, vengono chiamati a deliberare su una legge dello stato. Quello che noi Radicali, speriamo assieme alle forze politiche e alle altre associazioni che ci hanno affiancato nella raccolta delle firme, ci impegniamo fin d'ora a fare è dare la massima informazione a tutti i cittadini affinché possano scegliere liberamente.

Data: 
Mercoledì, 26 January, 2005
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Udine
Stampa e regime: 
Condividi/salva