You are here

Statuto, anche i Radicali contro la bozza.

Testo: 

L'assemblea regionale conferma Stefano Santarossa alla presidenza

PORDENONE. Bocciata la convenzione per lo statuto, i radicali friulani rilanciano l'idea di un sistema elettorale regionale all'americana, con collegi uninominali e l'indicazione del presidente. La linea è stata concordata in occasione dell'assemblea, tenutasi ieri mattina a Pordenone, che ha confermato Stefano Santarossa alla presidenza, mentre tesoriere è stato nominato Corrado Libra.
Santarossa ha invitato «i consiglieri regionali riformatori a uscire allo scoperto proponendo il progetto "Friuli Venezia Giulia, regione americana", caratterizzato da tre elementi: presidenzialismo, federalismo e sistema uninominale. Se a prevalere sarà il proporzionale - ha arringato - chiederemo ai cittadini di rispedire al mittente la proposta dei partiti con il referendum per il quale siamo già pronti a raccogliere le firme».
I radicali si sono dichiarati contro «nuove burocrazie come l'assemblea delle Province friulane, con la conseguente proliferazione di nuovi posti di sottopotere, pagati dai cittadini». Santarossa critica anche «la riserva indiana della rappresentanza slovena o la quota di donne. La convenzione sullo statuto ha prodotto un mostriciattolo». L'idea dei "pannelliani" è poi quella di rilanciare il sito internet www.radicalifriulani.it.
Criticata l'assenza di esponenti del centro-sinistra all'assemblea di ieri, che viene vista come segnale di chiusura. Tra i presenti il presidente della Provincia di Pordenone, Elio De Anna, il consigliere regionale di Forza Italia, Antonio Pedicini, l'onorevole Michelangelo Agrusti e l'ex assessore provinciale forzista, Fernando Padelletti, oltre al consigliere nazionale dei radicali, Gianfranco Leonarduzzi. L'assemblea sarà trasmessa da Radio radicale.
(ste.pol.)

Data: 
Domenica, 5 December, 2004
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Regione
Stampa e regime: 
Condividi/salva