You are here

GRAZIE AI FRATI CARCERATI "LIBERI" PER UNA SERA

Testo: 

Un concerto oltre le sbarre per un'insolita platea fatta di detenuti in permesso e frati in trasferta. "Abitare il cuore dell'uomo...": è questo il titolo di "una serata speciale per gente comune" che si svolgerà a Fanna venerdì 16, alle 20.30, nella suggestiva cornice del parco del santuario di Madonna di Strada. Si tratta di un concerto del cantautore Massimo Bubola realizzato grazie alla parrocchia di San Martino e con la collaborazione dei Comuni di Fanna, Maniago e Montereale. La particolarità dell'evento - la cui regia è della locale comunità di frati - sta nel fatto che al concerto parteciperanno detenuti provenienti dalle carceri del Nordest grazie al decisivo intervento di fra' Giuseppe Prioli, da più di trent'anni volontario nelle celle d'Italia.
La trentina di "ristretti" (tra di loro ci saranno pure degli ergastolani) invitata alla manifestazione beneficerà di un permesso premio. Tra il pubblico anche una schiera di frati francescani. Duplice lo scopo della serata: da un lato offrire gratuitamente (Bubola e la sua band suoneranno senza percepire alcun compenso) uno spettacolo di rilievo in un angolo incantato della pedemontana; dall'altro far riflettere sulla necessità di vedere nel detenuto una persona a cui va garantito un reinserimento sociale. Come sottolineano gli organizzatori, il 16 luglio può diventare «un'opportunità di condivisione, magari solo di sguardi e di appassionati silenzi, con la musica come strumento che avvicina i cuori e scalda le anime, attutisce e scioglie l'imbarazzo di chi non sa come raccontarsi, come lasciare un pezzo di sé negli altri». Considerata la valenza dell'iniziativa, in caso di maltempo il concerto si terrà al teatro Verdi di Maniago.
Lorenzo Padovan

Data: 
Martedì, 13 July, 2004
Autore: 
Fonte: 
IL GAZZETTINO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva