You are here

LE CURIOSITÀ . Claudio Colussi il più "coccolato"

Testo: 

Tre casi dominano le trattative sulle candidature: l'esclusione dell'assessore Fernando Padelletti dalla lista di Forza Italia, il braccio di ferro sul sindaco di Casarsa, Claudio Colussi, e le eventuali alleanze del Nuovo Psi.
Per Padelletti l'eliminazione all'ultimo minuto rappresenta uno stop forzato, a maggior ragione visto che aveva dichiarato la disponibilità a presentarsi. Al suo posto, però, i forzisti gli hanno preferito Paolo Vicenzotto. Colussi, invece, è corteggiato sia da Forza Italia, con pressioni dirette da parte del presidente De Anna, sia da Agrusti. Ogni decisione è rinviata a lunedì.
Alessandro Gilleri, invece, segretario regionale del Nuovo Psi, annuncia che il simbolo del Garofano ci sarà, anche se dovrà essere definita l'ipotesi di un'alleanza con De Anna. «Sarà una lista aperta - afferma - a tutti i socialisti, che veda insieme l'attuale gruppo dirigente provinciale e Francesco De Carli che con altri amici e con spirito di abnegazione stanno lavorando a questo scopo». Gilleri ha avocato a sè la questione Pordenone e ribadisce che sarà lui a concedere o meno il simbolo.
Passo indietro, invece, dei Radicali friulani di Stefano Santarossa, per i quali non ci sono le condizioni per una presenza alle provinciali del movimento.
Agrusti, da parte sua, commenta l'inchiesta del Messaggero Veneto sui compensi dei dirigenti delle società partecipate dagli enti pubblici. «I dati - sostiene - dimostrano quanto ci sia da fare per disboscare centri di spesa pubblica annidati in posizioni e indennità, a partire da quelle di chi siede in consiglio provinciale. C'è chi scambia questo nostro proposito con demagogia elettorale. In realtà tutte le persone che portano a casa, lavorando tutto il giorno, stipendi da mille euro al mese o percepiscono pensioni da 500 euro si rendono perfettamente conto della sproporzione tra questi compensi e la responsabilità e il lavoro di coloro che occupano tali posizioni. Nostro obiettivo non secondario sarà dunque tagliare in modo drastico consigli di amministrazione inutili ed indennità onerose».

Data: 
Venerdì, 30 April, 2004
Autore: 
Fonte: 
MESSAGGERO VENETO - Pordenone
Stampa e regime: 
Condividi/salva